Detergere le mani: una prassi importante, fuori e dentro casa

Cosa c’è nelle mani di un bambino?

Il tipo di sporco presente sulle mani dei bambini si differenzia in base all’età. In generale, lo sporco è costituito da secrezioni ghiandolari (sudore e sebo), da sostanze organiche (saliva), grassi ambientali e microrganismi che possono essere presenti sulla cute. La pelle del neonato è in generale meno sporca di quella del bambino più cresciuto: è più facile tuttavia che residui di latte possano rimanere tra le dita e nelle pieghe cutanee. Con il gattonamento e poi i primi passi, le esigenze igieniche del bambino sono diverse: il bimbo esplora il mondo, si intrufola ovunque e inizia a sporcarsi anche con residui di origine ambientale che sovente possono entrare in contatto con occhi, naso, bocca.


 

Cosa avviene sulla pelle durante la detersione

La detersione ha lo scopo di asportare sia le sostanze che derivano dall’ambiente esterno che i detriti tissutali, quali le cellule cornee desquamanti. È quindi inevitabile che la pulizia della cute comporti una parziale rimozione del film idrolipidico stesso, con la possibile comparsa di effetti indesiderati nel caso in cui la detersione risultasse troppo frequente, o eseguita con prodotti aggressivi. I principali problemi dermatologici connessi alla detersione sono l’azione delipidizzante, le modificazioni del pH, le possibili azioni sulla flora cutanea, le alterazioni dello strato corneo, la disidratazione, l’azione irritante e la possibilità di sensibilizzazione.

​Per questo i prodotti detergenti specifici per le mani dei più piccoli rispettano il pH della sua pelle e sono estremamente delicati, considerando la fragilità cutanea: preferibilmente senza sapone e tensioattivi aggressivi che sono facilmente assorbibili a livello transcutaneo dalla pelle sottile.
 

Detersione della pelle del bambino attenta e delicata, a casa come fuori

Ma come conciliare la detersione delicata delle mani dei più piccoli con una forma di lavaggio assiduo e profondo delle mani soprattutto fuori casa?

Il consiglio è quello di evitare gli “estremi”: sia un lavaggio più frequente ma solo con acqua, poiché l’acqua da sola non riesce a eliminare sporcizia e virus, sia un lavaggio meno frequente ma con saponi aggressivi - o peggio - con igienizzanti alcolici, pensati per la pelle degli adulti e non dei più piccoli.​

La scelta dovrebbe ricadere su prodotti detergenti che rimuovano lo sporco dalla pelle senza aggredirla, espletando l’azione detergente nel rispetto delle caratteristiche fisiologiche e strutturali della cute, formulati specificatamente per la pelle sensibile dei bambini e dei neonati.
 

Il consiglio per la pelle degli esperti Fiocchi di Riso

Per la pulizia della mani dei bambini fin dalla tenera età, è importante affidarsi a preparati originali specifici dalla formulazione dermatologicamente testata, così da detergere la pelle senza seccarla e rispettandone il film idrolipidico. E per le passeggiate fuori casa, una buona prassi è quella di usare salviette igienizzanti lenitive e idratanti, Per detergere, ma sempre con delicatezza.

I nostri preparati