emugen_crostalattea_bambino.jpg

Igiene con dolcezza: la risposta alla crosta lattea

La crosta lattea o dermatite seborroica, è un’infiammazione della pelle causata da un’eccessiva quantità di sebo. Colpisce soprattutto il cuoio capelluto, ma può interessare anche le sopracciglia, la fronte, il mento, i lati del naso e talvolta estendersi fino alla zona del pannolino. Ecco come trattarla in modo dolce.

 

Durante la gravidanza gli ormoni materni, presenti nel sangue del neonato, stimolano la produzione di sebo. Se la produzione diventa eccessiva, si forma la crosta lattea.

Solitamente il problema tende a risolversi intorno al terzo mese di vita, per poi ripresentarsi (eventualmente) nella fase della pubertà, quando le ghiandole sebacee riprendono l’attività. È importante conoscerla e imparare a trattarla per evitare fastidi.

Dolcezza è la parola chiave. Saponi o tensioattivi aggressivi contenenti SLS e SLES aggravano la situazione perché asportano il prezioso film idrolipidico presente normalmente sulla pelle, irritandola ulteriormente. Per detergere i capelli si consiglia l’utilizzo di un prodotto specifico, preferendo un olio shampoo privo di PEG così da garantire una detersione delicata e il giusto nutrimento.

Emugen di Fiocchi di Riso è il primo olio shampoo bifasico composto da due pratiche bustine.

È sufficiente un solo utilizzo alla settimana, dapprima con la bustina B, contenente la fase lipidica a base di olio di Emu da versare direttamente sulla testa bagnata del bambino e massaggiare delicatamente per qualche minuto; poi con la bustina A, la fase schiumogena, anch’essa da versare direttamente sul cuoio cappelluto, con un po’ d’acqua, per una detersione completa.

Infine, risciacquare e asciugare avendo cura di non rimuovere le croste, per evitare un incremento della produzione di sebo, a protezione della pelle infiammata. Quando arriva il momento giusto, le croste si sfaldano da sole.

 

Vuoi acquistare online?

Visita il nostro negozio ufficiale Sitarstore.it